STREET ART

Le opere artistiche che caratterizzano il progetto del Bunker ne costituiscono un forte elemento identificativo fin dalla sua origine e variano dai murales alle installazioni alla poster art eseguiti da artisti italiani e stranieri.

Questo processo di colonizzazione artistica, avviato nel 2012 con la seconda edizione del Festival di Arte Urbana SUB URB ART, prosegue nel tempo all’interno dell’area privata e all’esterno, in particolar modo sulla via Nicolò Paganini, offrendo allo spazio pubblico degli interventi di arte urbana in grado di caratterizzare l’area.

La scelta degli artisti, e la libertà a loro offerta nella realizzazione delle loro opere, vogliono essere un elemento di stimolo verso la crescita di quei processi di sviluppo culturale in ambito urbano legati in particolar modo ai fenomeni di trasformazione urbana.

Le opere presenti al Bunker sono state realizzate nel corso del tempo da:

108 (IT) – 2501 (IT) – Andreco (IT) – AK (IT) – BTOY & Uriginal (ES) – Chekos Art (IT) – CT (IT) – DEM (IT) – Dzia (BE) – DOME (DE) – Elfo (IT) – EME (ES) – Frank Lucignolo (IT) – Galo (IT) – Gola + H101 + Kenor (ES) – Hogre & JB Rock (IT) – MP5 (IT) – Mattia Lullini (IT) – NeSpoon (PL) – Nychos (AT) – Phlegm (UK) – Pixel Pancho (IT) – RIM (BR) – Sea Creative & Andrea Ravo Mattoni (IT) – SisterFlash (IT) – ToLet (IT) – The London Police (NL) – Weed (IT) – Zed1 (IT)

INSTALLAZIONI

Squali, prismi, funghi di latta e moquette, le installazioni artistiche rappresentano una importante presenza nell’offerta culturale che il Bunker ospita e divulga.

Cavalli di ferro, sculture di legno, elementi di arredo urbano sono solo una piccola parte delle opere che sono state accolte negli spazi del Bunker.

Alcune opere sono state realizzate direttamente al Bunker, grazie alla disponibilità di laboratori e capannoni in grado di accogliere attività artigianali ed artistiche, e caratterizzano gli spazi con la testimonianza del lavoro degli artisti che le hanno realizzate.