LIFT-ON / LIFT-OFF

ph_gabriele_napolitano_01 ph_gabriele_napolitano_02

LIFT-ON / LIFT-OFF
Anton Alvarez / Benni Bosetto / Sebastiano Impellizzeri / Manuel Scano Larrazabal
un progetto a cura di CRIPTA747 & Bunker
urban setting : Michele Cerruti But, Alberto Geuna, Emanuele Protti, Niccolò Suraci

LIFT-ON / LIFT-OFF prende forma intorno alla Variante 200, spina dorsale di un ambizioso progetto di trasformazione urbana destinato a cambiare il volto del quadrante nord-orientale della città di Torino, ridisegnandone il tessuto sia da un punto di vista architettonico che sociale.
L’Associazione Variante Bunker e CRIPTA747 – che ha scelto il distretto di via Quittengo 41/b, a ridosso dell’ex Scalo Vanchiglia, come nuova sede espositiva – anticiperanno con un gesto significativo il nuovo asse viario della futura via Regaldi.
L’esistente sarà utilizzato per ragionare, sperimentare, delineare in modo inconsueto e creativo la nuova viabilità, nonché l’insediamento di attività e la creazione di un fittizio ma auspicabile intreccio sociale e immateriale che diventi anche polo attrattivo per le destinazioni future.

LIFT-ON / LIFT-OFF intende ridisegnare i bordi del costruito esistente e tracciare un nuovo fronte urbano. Il progetto prende forma in alcuni containers installati lungo l’asse del futuro grande boulevard di via Regaldi, rendendo le unità di carico nuovi ambienti per la produzione artistica, evidenziando al visitatore l’immediatezza dell’urbanizzazione contemporanea. I containers sfidano l’idea tradizionale di luogo espositivo e di studio invitando gli artisti a lavorare nell’intersezione tra urbanistica, sociologia urbana, tecnologia ed economia. L’insediamento di questi spazi espositivi transitori costituisce di fatto un nuovo rione, un’estensione del quartiere circostante che incoraggia gli artisti a ripensare da un inedito punto di vista la loro pratica, e la comunità ad affrontare le sfide imposte dalle trasformazioni che investono le città contemporanee.

ph_gabriele_napolitano_04  ph_gabriele_napolitano_03

ph. Gabriele Napolitano